Pensieri di una volontaria

Fa freddo, lungo il Tevere. L’umidità ti mangia le ossa. Ti scava dentro, come un verme affamato.
Fa freddo in carcere, a quest’ora. Tra sbarre e mattoni attraverso cui il vento danza una melodia burrascosa, e che non sanno arginare il gelo.
In carcere, il cielo è rettangolare. Puoi vederlo soltanto attraverso le sbarre delle poche finestrelle appuntate sopra le celle. E dopo un po’ ti abitui, a vedere l’orizzonte geometrico. Ma quando esci… Quando esci, quando varchi il cancello di ferro e torni nel mondo delle persone libere, allora il cielo ti avvolge. Come un mantello blu cobalto, straordinario questa sera. Un cielo immenso, infinito, austero e malinconico, che è speranza di un nuovo giorno. Un cielo magnifico, forte come una calamita, che non puoi smettere di guardare. E allora capisci perché quando chiedi a un detenuto che cosa manca di più del mondo di fuori, la risposta è sempre quella: il cielo.
A.P.

Ricerca

Categorie

Vo.Re.Co.

La sigla VO.RE.CO sta per “Volontari Regina Coeli” e vi fanno parte i volontari che prestano la loro opera a favore dei detenuti di Regina Coeli, delle loro famiglie e delle vittime del reato.

Contatti

  • Vo.Re.Co.
  • Via della Lungara, 141/a
  • ROMA 00165 (RM)
  • +39 0668301193
  • info@voreco.it

Dove siamo


Privacy Policy | Cookie Policy
Copyright 2024 Vo.Re.Co | Code & Design by  Sea Digital Agency